20/02/09

Duck Dive


La mareggiata. E’ arrivata. Il mare increspato s’inarca ad intervalli regolari, il cronometro delle correnti perfettamente sincronizzato, e già riesco ad intravedere, fra il bagnasciuga e l’orizzonte, una successione di linee parallele, che attraversano il campo visivo. Quelle si che saranno onde gigantesche, Gesù!
Mi alzo in piedi, abbraccio la longboard, appoggiata al mio fianco. Accarezzo la liscia superficie ancora calda di paraffina e attrito, e rimango così un momento, recitando mentalmente una preghiera ai Kahuna e a Jan & Dean. Poi scatto verso l’acqua.
Facendo forza sui muscoli delle gambe, cercando di rimanere indifferente allo schianto dei cavalloni, gli spruzzi, e la schiuma dentro cui annaspo fino alle cosce, mantengo la tavola in direzione sulla superficie dell’acqua, finché il moto delle onde non mi avverte che è ora di sollevare i piedi dal fondale, e stendermi sull’asse.
E’ il primo accenno di volo, quel momento in cui sali sull'asse e, con le mani batti pigramente il mare agitato, affondando quel che basta per mantenere la direzione.
Avanti, ancora un po’, e le onde si alzano sopra di te, minacciose e crudelmente sorridenti, la cima frastagliata e biancastra, poi s’ingolfano e, pietosamente, passano sotto la tavola, sollevandone leggermente il nose, schernendo il tail, ma intanto facendoti guadagnare qualche metro.
Di metro in metro, infine, sei dall’altra parte dell’onda, e puoi virare, facendo leva con il braccio a mo’ di timone. Il contatto con l’acqua, a quel punto, è simbiotico. E ti metti a sedere, cavalcioni, sulla longboard.
E’ una vista mozzafiato, quella che si presenta al surfer, quando quest’ultima operazione preliminare è compiuta, e non resta che attendere l’onda. Indescrivibile. Indimenticabile.
Poi, senza vederla, ma sentendone la vibrazione che attraversa le correnti, e scuote la base della tavola, l’onda arriva. Trattengo il respiro, per non disturbare l’equilibrio perfetto che si è creato fra me e l’Oceano. Aspetto il momento giusto.
Quando la prima, leggera, carezza dell’onda, amichevolmente ticchetta sul nose della tavola, mi rannicchio, e afferro i lati dell’asse con le mani. Senza tempo per riflettere e, nel caso, fermarsi, l’onda mi solleva. Chiudo gli occhi, e con un colpo di reni salto sopra la longboard, allargando le braccia e lanciando un grido silenzioso.

Quello che è venuto prima era solo il Preludio.
Questo è il Surf.

16 commenti:

  1. Si ma quello nell'ultima foto non fa surf ... sta cadendo culo all'acqua. eheheh.

    P.S

    Devi mettere un traduttore dal napoletano al sardo, sennò non riesco a votare il post. :lol

    RispondiElimina
  2. il preludio...poi il surf... nn oso immaginare dopo Cosa ci sarà... anzi si: ci saremo NOI

    Ti Amo.PUNTO.
    Samy

    RispondiElimina
  3. Giovàààààààààà il sardo nn lo conosco... ma cmq te lo traduco in italianno jà :lol


    allora...


    Pariante=molto divertente;bell jà=veramente bello;maròòò= oTTio(=oddio); o fridd ncuoll=la pelle d'oca... spero di aver reso l'idea jà :lol

    RispondiElimina
  4. Giò-
    Se vedi l'onda lo sta già insidiando fra la tavola e il bermuda!!!

    RispondiElimina
  5. Amore-
    Questo era il Preludio, prima che l'Onda arrivasse... quello che è venuto dopo siamo NOI.

    Ti Amo. PUNTO
    Robi

    RispondiElimina
  6. Translation-
    E per fortuna non si vede l'ultima voce, che è 'par a waller'!!!
    :lol

    RispondiElimina
  7. fridd ncuoll ... pensavo si legasse alla situazione imbarazzante in cui si trova il surfer dell'ultima foto. eheheheh.

    RispondiElimina
  8. Giòòòòòòò letteralmente vuol dire, "il freddo addosso" cioè... na cosa ke mette i brividi... quindi è legato anke a quello ke hai detto tu jà :hoho

    x quanto riguarda la Translation... traduco pure il tasto ke nn si vede jà :shy

    par a waller= sembri lo scroto :shy:-x

    (Questo tasto è stato fortemente voluto da Lord Rutwen:mmm io nn c'entro:mmm)

    :hoho

    RispondiElimina
  9. ps.


    a te eh, non a Giovanni:urlo:hoho

    RispondiElimina
  10. 'mme scem marò!
    Tutti e due, voi, eh, mica io!!!
    :hoho

    Ti Amo. PUNTO

    RispondiElimina
  11. allora se gli scemisono + di uno, devi scrivere 'mm so sciem marò!

    Ti vuoi unire allo nostra scemità?:shy
    :hoho

    Ti Amo.PUNTO

    Samy

    RispondiElimina
  12. roby ma ti ricordi quel video fantastico di quella onda gigantesca... mi sembra che il surfer si chiama laird hamilton... che cosa figa, che sensazione di libertà poi....

    RispondiElimina
  13. Laird hamilton, certo, il più grande Surfer contemporaneo... e quel video testimonia un record: quell'onda è la più grande mai surfata.

    RispondiElimina
  14. Amore-
    Ma io ci son già, nella scemità!!! Anzi, ne sono il Lord :lol

    Ti Amo. PUNTO
    Robi

    RispondiElimina
  15. ciao.....devo ancora capire come unziona,ma ci sono....

    RispondiElimina