28/02/09

Armonia

Armonia firma


Nel blu di una notte incantata,

un cuore puro danza tra le stelle,

trascinato dalle dolci note

di una canzone di un sole appena spento.

Circondato da stelle e segreti,

la sua mente si perde

tra l'immensità del cielo,

mentre il suo corpo si lascia trasportare

dal vento leggero,

che batte su di lui come

un mare di pensieri,

e i suoi occhi si perdono nella luce

di un destino ormai segnato.

Timida e sola,

nascosta dietro la Luna,

una piccola stella resta a guardarlo,

in attesa che che quella dolce Armonia

nutra la sua anima,

trasformandola nella stella più

grande e luminosa del suo Firmamento,

così che -quando l'alba arriverà-

non debba avere paura di essere offuscata

dalla luce di un nuovo sole nascente.

Aprile 2008.

Il mio primo canto d'Amore per Te.

Buon 28 Febbraio Amore mio.

Ti Amo

Samy

 

Grazia

Grazia 03 firma
Getta il tuo pane sulle acque, perché con il tempo lo ritroverai. (Ecclesiaste; 11,1)

Torno a sincronizzare il mio respiro con l’Oceano, ritrovo la grammatica sepolta nella sabbia

-sapendo che era per un attimo; sapendo avrei ritrovato intatte, pure da scorie, e avrei accarezzato ancora, le sue possibili sintassi, dopo l’alluvione-

Rinchiusi in una scatola di ferro, con i disegni di buffi orsi, e pupazzetti erosi dal salnitro tiepido, mezzo metro sotto il moto dell’acqua, delle correnti, pronomi, e verbi, riposano, protetti dallo sguardo insidioso di strisce celesti, tagliate nel cielo da venti lontani.

Benedico la voce che mastica acciaio e catrame, perché ha detto che il Mare è la Madre del Tempo; in quest’attimo strano, sospeso fra spicchi di spuma, mentre nomi e silenzi camminano in fila, o si tengono stretti per mano, misurando la spiaggia

-un profumo di vortici, al largo, mi riempie i polmoni-

sento il flusso magnetico e magico dell’Alta Marea aggredire i cancelli gelati che mi coprono gli occhi, sussurrare alle palpebre chiuse canzoni e incantesimi,

in attesa che dalle mie iridi la Grazia infiammata divampi,

sillabando parole dimenticate,

che diano vita alla vita che attende fra le correnti sottomarine.

Grazia 01 firma

La Visione che diventò Donna, la Mia Donna.

Buon 28 Febbraio Amore mio.


Ti Amo
Robi

28 Febbraio 2009






width="502" height="415" bgcolor="#FFFFFF"
flashvars="flvurl=http%3A%2F%2Fv2.nonxt4.googlevideo.com%2Fvideoplayback%3Fid%3Dda40eacee0ed0c5e%26itag%3D5%26app%3Dblogger%26ip%3D0.0.0.0%26ipbits%3D0%26expire%3D1282731884%26sparams%3Did%252Citag%252Cip%252Cipbits%252Cexpire%26signature%3D5D1DC46E36626F56060D450A6FAB5CF2269942C8.7BBB21AA34F88C44F0760193A3E2EA85840AEA98%26key%3Dck1&iurl=http%3A%2F%2Fvideo.google.com%2FThumbnailServer2%3Fapp%3Dblogger%26contentid%3Dda40eacee0ed0c5e%26offsetms%3D5000%26itag%3Dw160%26sigh%3DWfx1fIVQggYmGDJ7eEna5ZwM2TQ&autoplay=0&ps=blogger"
allowFullScreen="true" />


White Sands - Il Grido delle Onde
Scritto, diretto e montato da Samy California
Musiche: There You'll Be - Faith Hill


9 mesi fa...

Robi si chiamava ancora Rutwen, Samy era Samantaforever, la California il luogo dove si erano incontrati, nel mezzo dell'Inverno di loro vita, in una fredda giornata di Febbraio.

I loro sguardi si incrociarono, il tempo di mettere in moto la macchina, e proseguire, ognuno lungo il percorso che credeva dovesse portarlo al Dove. Le loro Voci risuonarono brevemente, per un saluto passeggero strada facendo.

Ma non era così...

Subito la voglia di partire per la vera California, voglia non detta ma comune, e trovare, finalmente, il luogo dove la Realtà sconfina nel Sogno.

Quella Realtà era già in divenire, grazie a ciò che alcuni chiamano Destino, ma per loro fu, e da allora è sempre stata, Acqua nell'Acqua.

Buffi pupazzetti e orsi li unirono, dapprima, una Piccola Stella timida nascosta dietro la Luna spiava il Sole, cantando di Armonia. Un uomo si scoprì poeta, con la Grazia nel cuore.

E furono risate, confidenze, battute, emozioni...

Ben presto si unirono in una danza pazza che li stringeva sempre di più, rivelando i riflessi dell'Amore che si infiltravano tra le pieghe di un'Amicizia già profonda.

Riflessi dai quali cercavano di ripararsi dietro lo specchio del passato, ma fu impossibile, in quanto la Luce riflessa sullo specchio raddoppia di intensità, e ben presto ne furono travolti completamente.

Successe il 28 Maggio 2008, in una calda, molto calda, sera di fine Primavera, con la Natura in pieno risveglio, l'Estate che si avvicinava, promettendo giorni di infinito Sole a due anime che già si chiamavano per Nome.

Rutwen diventò un Arcangelo; Samantaforever l'Ondina scalza, Musa delle sue Poesie.

Entrambi, 9 mesi dopo cantano ancora di Grazia e Armonia, dalle Stanze della stessa Casa, sorta su una Spiaggia Bianca, dove le Nuvole e le Onde si abbracciano, illuminate dalla Luce del Faro, in California.

Questo è adesso, Domani è 4 ever.

Buon 28 Febbraio Samy

Buon 28 Febbraio Robi




Waves & Wings
Scritto, diretto e montato da Robi California
Musiche: Gymnopédie n.1 - Erik Satie; Dance On Stilts - Blue Öyster Cult

25/02/09

Ali d'Acqua


Sotto luci d’azzurro ozono si lascerà ammirare ai miei sguardi incantati. I Suoi capelli profumati d’estate asciugheranno la pioggia del mio gennaio infinito. Il respiro sulla mia pelle sussurrerà alla notte magiche Armonie, e promesse incantate.

Quando il vento singhiozzerà dietro i vetri, Lei prenderà la mia mano e la mia bocca, proteggendomi dal freddo e dall’ignoto, col calore di un sospiro bagnato dOceano.
Nuvola e scrigno, suono di Ali d’Acqua e profumo di miele. Pensiero e carne.
Sorriderà quando mi smarrirò, e mi insegnerà l’Amore.

Le ombre danzeranno dentro i miei occhi sazi; Lei è così bella da farmi vergognare di essere vivo.


21/02/09

L'Ultima Onda


Silenzio frastagliato, fa parte di me. Benedetta assenza di rumore, le onde non urlano, si susseguono lineari e armoniche, sul mare.
Io sono sulla spiaggia. Follemente disteso su strati di scogliere morte, frammentate polverizzate divinamente prive di segnali e tracce per archeologi e mistici e professori di ruolo.
La sabbia. Sono disteso sulla sabbia, ed è ormai quasi il tramonto. Ho eseguito un tube riding... cazzo, se l’ho fatto!
Dopo quattro scivolate da manuale, elementari, ma le onde non erano granché, gonfie appena da scaldare la tavola, e un tentativo di aerial finito in wipeout, ho avvertito come una voce che mi massaggiava i capelli incrostati di salsedine. E’ una voce che chi viene al mare in cerca di velocità conosce benissimo. La voce di una forza elementare che parla attraverso fenomeni e molecole. La riconosci, perché è la stessa che senti quando sei lontano dal mare, e ti cibi di silenziosa attesa.
“Arriva!” ha detto quella voce. E mi sono voltato a guardare. L’Onda.
Già a vederla così, ancora una cinquantina di metri fra me e l’orizzonte, faceva paura. La paura è un elemento imprescindibile se fai Surf. Non aver paura è da incoscienti. Ma gli incoscienti non fanno Surf.
L’ho guardata, quell’onda, e più si avvicinava, più tremavo. Avevo la pelle d’oca, e non era freddo, anzi. I tendini delle braccia parevano percorsi da cavi elettrici ad alto amperaggio. L’ho attesa, con un sorriso di sfida.
Il taking off è stato pressoché perfetto. L’onda mi ha sollevato, portandomi in alto, ma ero io che governavo la tavola, mantenendo un equilibrio statico, pur nel moto in avanti. Mentre la cresta iniziava ad alzarsi, sono scivolato in diagonale, e ci sono andato sotto.
Il tunnel, qualcuno lo chiama. Cinque metri di parete d’acqua incurvata sulla testa, che si richiude meno a mano che la cresta dell’onda precipita su se stessa. Cinque metri di parete d’acqua, avete idea quante tonnellate? E io dentro, a sfrecciare come un proiettile, tagliando longitudinalmente quella meraviglia mortale! Avete mai provato ad infastidire un gatto? Moltiplicate la sua reazione per qualche miliardo di milioni, ed avrete una vaga idea dell’incazzatura di una forza primordiale interrotta nel suo naturale incedere. Ma è questo il Surf.
Mentre il tunnel si chiudeva dietro di me, e io mantenevo un assetto perfetto sulla tavola, a velocità costante, non guardavo la parete sopra di me. Guardavo quella dentro di me, e la vedevo sbriciolarsi.
Sono schizzato fuori dal tunnel, nell’attimo in cui la parete d’acqua è precipitata su se stessa, rombando dietro di me il suo Osanna. Un tube riding perfetto. Poi, mi sono lasciato dolcemente cadere in acqua, abbandonandomi alla corrente, che trasportava me e la mia asse verso riva. Steso sulla sabbia, ho baciato il cielo.
Tutti sanno che questo è Nessun Luogo. Non è l’Arcadia. Non è l’Inferno. Non è la pista dell’Orda d’Oro. E’ una spiaggia. Nascosta. Minima. Invisibile. Solitaria. Qui non ci sono guerre, qui il tempo scorre padrone di se stesso. Il vento insegue i secondi, non ne è trascinato. Svanirà nel nulla, fra diecimila anni.
In principio era il Nero. Un nero scuro e denso come un’iride spenta. Poi venne il Mare.
Chiudo gli occhi, e ascolto in silenzio il silenzio.

20/02/09

Duck Dive


La mareggiata. E’ arrivata. Il mare increspato s’inarca ad intervalli regolari, il cronometro delle correnti perfettamente sincronizzato, e già riesco ad intravedere, fra il bagnasciuga e l’orizzonte, una successione di linee parallele, che attraversano il campo visivo. Quelle si che saranno onde gigantesche, Gesù!
Mi alzo in piedi, abbraccio la longboard, appoggiata al mio fianco. Accarezzo la liscia superficie ancora calda di paraffina e attrito, e rimango così un momento, recitando mentalmente una preghiera ai Kahuna e a Jan & Dean. Poi scatto verso l’acqua.
Facendo forza sui muscoli delle gambe, cercando di rimanere indifferente allo schianto dei cavalloni, gli spruzzi, e la schiuma dentro cui annaspo fino alle cosce, mantengo la tavola in direzione sulla superficie dell’acqua, finché il moto delle onde non mi avverte che è ora di sollevare i piedi dal fondale, e stendermi sull’asse.
E’ il primo accenno di volo, quel momento in cui sali sull'asse e, con le mani batti pigramente il mare agitato, affondando quel che basta per mantenere la direzione.
Avanti, ancora un po’, e le onde si alzano sopra di te, minacciose e crudelmente sorridenti, la cima frastagliata e biancastra, poi s’ingolfano e, pietosamente, passano sotto la tavola, sollevandone leggermente il nose, schernendo il tail, ma intanto facendoti guadagnare qualche metro.
Di metro in metro, infine, sei dall’altra parte dell’onda, e puoi virare, facendo leva con il braccio a mo’ di timone. Il contatto con l’acqua, a quel punto, è simbiotico. E ti metti a sedere, cavalcioni, sulla longboard.
E’ una vista mozzafiato, quella che si presenta al surfer, quando quest’ultima operazione preliminare è compiuta, e non resta che attendere l’onda. Indescrivibile. Indimenticabile.
Poi, senza vederla, ma sentendone la vibrazione che attraversa le correnti, e scuote la base della tavola, l’onda arriva. Trattengo il respiro, per non disturbare l’equilibrio perfetto che si è creato fra me e l’Oceano. Aspetto il momento giusto.
Quando la prima, leggera, carezza dell’onda, amichevolmente ticchetta sul nose della tavola, mi rannicchio, e afferro i lati dell’asse con le mani. Senza tempo per riflettere e, nel caso, fermarsi, l’onda mi solleva. Chiudo gli occhi, e con un colpo di reni salto sopra la longboard, allargando le braccia e lanciando un grido silenzioso.

Quello che è venuto prima era solo il Preludio.
Questo è il Surf.

19/02/09

Longboard

E’sempre la stessa emozione, ogni volta che vedo l’Oceano.
Arrivo di solito due, tre giorni prima della mareggiata, mi trovo un posto isolato e ben protetto dal vento di terra, che potrebbe compromettere il taking off sull’onda. Piazzo la tenda, controllo che la tavola sia a posto, e aspetto.
Per qualcuno il Surf è una sorta di religione, ma io non la vedo così. Non è uno sport, non solo, questo è chiaro. Personalmente lo tratto come un fratello, che mi insegna a restare in piedi su meno di un metro di legno, senza dover necessariamente parlarmi. Il suo lessico è il moto delle onde, le correnti d’aria che mi assalgono quando, nel mezzo di un tube riding, la parete d’acqua sopra di me si piega fino a formare un tunnel azzurro, e la longboard sotto i piedi inizia a vibrare.
Parla con il crescere lento ma continuo dei flussi e delle correnti, man mano che la mareggiata si avvicina, e la distanza fra due onde successive diminuisce, mentre aumenta la loro altezza. E’ un momento particolare, quello. Una buona onda deve avere un rapporto altezza/velocità pressoché perfetto. Altrimenti tanto varrebbe andare in un Parco Acquatico.

Mentre aspetto, passo diverse mani di paraffina sulla tavola, dal nose al tail, la punta e la coda, dico. Questa occupazione mi rilassa, ormai nemmeno guardo più la tavola mentre procedo; fisso ipnotizzato l’Oceano, e misuro mentalmente la distanza tra un’onda e l’altra, mentre aumentano, e la mareggiata si avvicina.
Non vado sempre nello stesso posto, no, perché è difficile trovare condizioni favorevoli per due anni successivi in uno stesso punto della Costa, e poi mi piace cambiare. Conosco surfisti che, una volta trovata la spiaggia ideale, l’eleggono a loro campo base, e ci tornano sempre. Li chiamano i ’local’, in gergo. Io no, sono un Nomade, mi baso sulle previsioni meteorologiche, e su quel minimo d’intuito, che anni di pratica ha affinato.
No, il Surf non è una religione, per me, e nemmeno uno sport. E’ un modo per sentire parlare l’Oceano, con la sua voce silenziosa, fatta di milioni di sfumature, e più profonda e gentile di qualunque altra voce, anche di quella di Dio, probabilmente.



18/02/09

Prossimamente

0 Estate Western MoviePoster firme
Tessy: viaggia di Rodeo in Rodeo, nomade e romantico cow boy fuori al tempo, con la sua compagna Green Waver, una giumenta di sei anni bella come il sole... Magaskawee: figlia di tradizioni antiche, vive il presente in comunione con gli Elementi, e parla alla Natura con la voce dei suoi antenati Navajo e Sioux... I loro destini si incrociano all’alba, nel deserto di Monument Valley, portandoli verso la luce di una

ESTATE

WESTERN

Scritto da ROBI e SAMY CALIFORNIA Fotografia: MELVILLE WHITESANDS Musiche: The JA’ BAND Regia: RUTWEN e SAMANTAFOREVER Una Produzione CALIFORNIA LIVING
Prossimamente su questi Schermi!

13/02/09

Il Nostro Primo San Valentino


Amore mio,

ci sono così tante cose che ho da dirTi, che pensavo di tirar fuori uno di quei papiri che annoiano solo a guardarli… ma cominciano a tremarmi le mani, e le parole si gelano sulla punta delle dita, e restano congelate sulla tastiera. Eh si, Amore… Ti conosco da un anno ormai, è un dato di fatto che per me sei l’incastro perfetto che completa il puzzle della mia vita… ma nonostante ciò, non riesco a non nascondermi dietro i silenzi, gli stessi silenzi da cui mi faccio sopraffare ogni volta che mandi la cam, ed entro in “contemplation Time”… quei silenzi che solo Tu hai sempre saputo ascoltare, e continui a farlo…

Forse è un bene che certe cose non riesca a scriverle, né a pronunciarle davanti a un microfono… perché determinate parole è giusto che te le dica quando finalmente saremo faccia a faccia, quando il tremito delle mani diventerà più forte mentre le stringi nelle Tue, e fisserai quegli occhi di Bambino nato Uomo nei miei… quegli occhi, si… quelli che mi fanno incantare ogni giorno anche se mi guardano da dietro un monitor, nonostante li abbia visti centinaia di volte… Allora sì che mi verranno, le parole, ne sono certa. Perché potrò dirTi che Ti Amo sincronizzando i miei battiti coi Tuoi, la mia voce al Tuo Respiro, le mie ore fatte di minuti Infiniti con le Tue.

Oggi avrei voluto regalarTi qualcosa di speciale, come hai fatto Tu. Avrei voluto saper scrivere in versi le parole che stanno dicendo i battiti accelerati del mio cuore, o qualsiasi altra cosa che avesse reso minimamente quello che sento adesso… non mi riesce nemmeno questo, e spero che mi perdonerai, Amore… ma conoscendoTi, so che queste righe scritte in veste di Samy, per Te valgono molto di più di mille versi scritti da poetessa improvvisata, anche se non dicono niente che non sai già…

Vorrei, anzi voglio darTi tutto quello che meriti Robi, Tu sei la Persona Migliore che abbia mai conosciuto, e ti ho già detto, ma lo ribadisco anche qui, che la stima che ho di Te va oltre l'Amore che provo nei tuoi confronti. Tu meriti il meglio, Amore, e io cercherò di darTi sempre il meglio di me, l’apice di tutte le mie potenzialità messe insieme. Lo farò Amore mio, te lo prometto. E non sarà difficile, perché sei tu che mi rendi migliore, in tutto. Riesci a tirare fuori il meglio di me... La mia vita è migliore, da quando ci sei Tu. È come vivere la favola di un Film, come Ti ho scritto nel video, il Nostro Meraviglioso Film…

È passato un bel po’ di tempo da quando sognavo che il Principe di un mondo apparentemente diverso dal mio, si accorgesse di me, proprio come Ariel… solo che a differenza sua, quel Sogno cercavo di reprimerlo in tutti i modi… mentivo a me stessa dicendomi che mi veniva di chiamarTi “Eric” solo per gioco, non per Altro… Molte cose le ho capite solo dopo, insieme a Te… e alcune le devo ancora capire! Anzi, le DOBBIAMO capire, io e Te, insieme, Tesoro mio, perché ora che mi hai resa Parte del Tuo Mondo, la mia, no, la NOSTRA vita si svolge in relazione a Noi… Io continuo a girare sempre intorno a TE… Sei il mio Sole, come lo sei stato fin dall’Inizio, lo sarai per sempre… e non smetterò mai di essere il Tuo girasole…

GRAZIE Amore mio, GRAZIE per avermi permesso di essere la Tua Samy, GRAZIE per avermi donato i Tuoi Sogni, GRAZIE per averLi messi nei miei, GRAZIE per avermi resa parte del Sogno della Tua Vita, e di avermeLo Regalato , GRAZIE di essere Perfetto, GRAZIE di essere TU, GRAZIE di esistere.

 

Ti Amo Roberto

 

Buon San Valentino Amore mio

 

La Tua Samanta